Strumenti Utente



appalti_pubblici:contratto_appalto

Contratto d'appalto

Con il contratto di appalto una parte (appaltatore) si obbliga nei confronti di un'altra (committente) a realizzare un’opera o a prestare un servizio in un tempo stabilito, con propria organizzazione e gestione a proprio rischio, in cambio di un corrispettivo in denaro (art. 1665 C.C.).

Si tratta quindi di un contratto a prestazioni corrispettive (contratto sinallagmatico) con impegno reciproco tra le parti.

Gli elementi caratterizzanti del contratto sono:

  1. l'opera da realizzare o il servizio da prestare;
  2. l'obbligo di corresponsione del corrispettivo in denaro da parte del committente (versato con le modalità previste nei documenti contrattuali);
  3. il tempo di esecuzione
  4. l'autonomia organizzativa dell'appaltatore
  5. il rischio di impresa in capo all'appaltatore.

Nel caso di appalti pubblici il committente è un ente pubblico il cui scopo è il preseguimento dell'interesse pubblico.

Il rapporto è regolato da alcune norme generali sempre e comunque applicabili:

  1. Codice Civile
  2. Codice dei contratti pubblici - D.Lgs. 163/2006 e s.m.i.
  3. Regolamento del D.Lgs. 163/2006 e s.m.i. - D.P.R. 207/2010
  4. per i soli Lavori Pubblici il Capilato Generale d'Appalto - D.M.LL.PP. 145/2000

Nel caso di appalti di Lavori Pubblici, è opportuno segnalare il D.Lgs. 163/2006 è entrato in vigore il 1/7/2006. Fino al 1994 si è applicata la Legge n. 2248/1865 e dal 1994 al 2006 si è applicata la Legge n. 109/1994. Analogamente per il D.P.R. 207/2010, fino al 2000 si è applicato il R.D. n. 350/1895 e dal luglio 2000 al giugno 2011 si è applicato il D.P.R. n. 554/1999. Infine per il capitolato generale d'appalto, fino al 2000 si è applicato il D.P. R. n. 1063/1962.

Ai documenti di ordine generale sopra riportati si aggiungono altri documenti specifici cha variano da appalto ad appalto:

  1. il Contratto (obbligatorio nella forma scritta solo nel caso di appalti pubblici)
  2. Capitolato Speciale d'appalto
  3. Elaborati Grafici
  4. Elenco Prezzi Unitari
  5. Piano di Sicurezza e Coordinamento.

Diritti e doveri delle parti

In riferimento alla prestazione prevista nel contratto d'appalto,il committente può:

  • controllare la corretta esecuzione dei lavori
  • disporre varianti
  • controllare il rispetto dei tempi contrattuali

In caso di inadempienze il committente ha sostanzialmente tra strumenti per rivalersi sull’appaltatore:

  • deprezzamento
  • penale
  • risoluzione contrattuale

Anche l’appaltatore ha interessi e diritti da tutelare:

  • ottenere il pagamento di tutte le opere eseguite;
  • non sopportare costi maggiori di quelli previsti;
  • produrre secondo le previsioni del programma;
  • ottimizzare l’uso dei propri mezzi e del personale;
  • conseguire l’utile programmato nei tempi previsti;
  • non subire la penale per cause a lui non imputabili

Le prestazioni rese dall’appaltatore vengono restituite dal committente sotto forma di corrispettivo. (equilibrio). In cambio l’appaltatore, oltre ad impegnarsi nella realizzazione dell'opera, assume su di sè:

  • il “rischio d’impresa”:
  • l'organizzazione dei fattori produttivi;
  • la valutazione dell’offerta in sede di gara.

Il committente invece deve:

  • fornire un progetto esecutivo e cantierabile;
  • garantire la disponibilità delle aree;
  • disporre con tempestività le eventuali variazioni necessarie;
  • garantire il pagamento del corrispettivo;
  • risolvere i problemi di eventuali interferenze;
  • collaudare i lavori nei termini previsti.

appalti_pubblici/contratto_appalto.txt · Ultima modifica: 2013/03/18 13:12 da mickele

Facebook Twitter Google+ Digg Reddit LinkedIn StumbleUpon Email