Strumenti Utente



nuove_norme_tecniche_per_le_costruzioni

Nuove norme tecniche per le costruzioni

Dopo una breve attesa è stato pubblicato il Decreto 14 gennaio 2008 del Ministero delle Infrastrutture che approva la revisione generale delle norme tecniche per le costruzioni (S.O. G.U. n. 29 del 4 febbraio 2008).

Ad una prima lettura le novità introdotte dalla nuova normativa sono:

  • nuovo approccio alla valutazione delle azioni sismiche sulle strutture, non piú la vecchia suddivisione in zone ma un procedimento che evita brusche variazioni delle azioni sismiche tra località vicine;
  • applicazione delle norme tecniche anche alle strutture in legno;
  • introduzione di un approccio unitario al calcolo strutturale e geotecnico di una struttura;
  • coerenza con la normativa europea (Eurocodici).

Per quanto riguarda il regime transitorio delle nuove norme tecniche, in un primo momento sono sorti dubbi su quale fosse la normativa applicabile una volta pubblicate le suddette norme. Il DL 248/2007 (decreto Milleproroghe) aveva cercato di estendere l'applicabilità dell'impianto normativo anteriore alle norme tecniche del 2005. Purtroppo la scarsa chiarezza dell'articolo 20 del succitato decreto non ha chiarito se si riferisse alle norme tecniche del 2005 o al DM 9-1-1996.

Tale incertezza ha avuto conseguenze nefaste sul settore delle costruzioni, bloccando l'attività di progettazione fino a quando la conversione in legge del decreto ha messo ordine nella spinosa questione chiarendo l'equivoco e sancendo che fino al 30 giugno 2009 risulteranno applicabili:

  • le nuove norme tecniche (trascorso un mese dalla pubblicazione in gazzetta);
  • le norme tecniche approvate con Decreto del Ministero delle Infrastrutture del 14-9-2005;
  • i Decreti del Ministero dei LLPP 20-11-1987 (edifici in muratura), 3-12-1987 (costruzioni prefabbricate), 11-3-1988 (verifiche geotecniche),4-5-1990 (ponti stradali), 9-1-1996 (costruzioni in ca e acciaio), 5-2-1996 (costruzioni in zona sismica).

Rimangono escluse le verifiche tecniche di qualunque tipo e le progettazioni di:

  • edifici di interesse strategico
  • opere infrastrutturali legate alla protezione civile
  • edifici o opere infrastrutturali rilevanti in caso di collasso

per le quali sarà obbligatorio far riferimento alla nuove norme tecniche fin da subito.

La questione ha però mostrato una volta ancora i limiti della politica nazionale mostrando come a volte per meri cavilli burocratici questa riesca ad arrecare danni all'economia reale del Paese.

Si rimane ora in attesa che venga pubblicata la circolare esplicativa del suddetto decreto, prevista per la fine del mese di marzo, e che nel frattempo le software house italiane modifichino i rispettivi codici di calcolo secondo le nuove normative.

Comments


nuove_norme_tecniche_per_le_costruzioni.txt · Ultima modifica: 2013/10/22 10:06 da mickele

Facebook Twitter Google+ Digg Reddit LinkedIn StumbleUpon Email