Strumenti Utente



tecnica_costruzioni:consolidamento:tirantature_metalliche

Tirantature metelliche

L'intervento consiste nell'inserimento di elementi metallici ancorati alle murature al fine di garantire un comportamento monolitico del complesso edilizio. Qualora possibile è opportuno pretendere i tiranti così da recuperare eventuali spostamenti dovuti a dissesti in atto. I tiranti possono essere disposti all'interno o all'esterno delle murature. Se applicato all'intero organismo è analogo alla cerchiatura. Appropriata nel caso di collegamenti inadeguati delle murature ortogonali e di vincoli non efficaci tra pareti e solai, per assorbire spinte non contrastate e prevenire collassi fuori dal piano. Miglioramento dello schema strutturale attraverso un funzionamento monolitico del complesso edilizio. Riduzione delle spinte orizzontali trasmesse alle murature verticali da strutture spingenti. Maggiore duttilità. Utile anche nel caso di opere di consolidamento provvisionali.

Determinante è la capacità dell'elemento di contrasto a trasferire l azione del tirante alla muratura senza generare stati tensionali insostenibili. Non sono consigliate lunghezze maggiori di 20m cui corrispondono maggiori deformazioni e quindi una ridotta efficacia dell'azione di contenimento.

Fasi esecutive

  1. Preparazione delle pareti
  2. Foratura delle pareti e/o dei solai
  3. Scasso nelle murature per inserimento delle piastre di ancoraggio
  4. Eventuale miglioramento delle caratteristiche meccaniche delle zone di ancoraggio
  5. Inserimento dei tiranti
  6. Messa in tensione dei tiranti
  7. Chiusura della zona di ancoraggio

tecnica_costruzioni/consolidamento/tirantature_metalliche.txt · Ultima modifica: 2016/12/04 14:54 da mickele

Facebook Twitter Google+ Digg Reddit LinkedIn StumbleUpon Email