Strumenti Utente



indice

Califfo: software gratuito per il calcolo della capacità portante

Molto più di quello che sembra

Non sempre il costo di un software è proporzionale al suo valore! Questa frase è applicabile a software commerciali molto costosi che poi rivelano dubbie basi teoriche, ma fortunatamente lo è a anche software di costo contenuto, se non nullo, con alle spalle un background scientifico di tutto rispetto. Rientra in quest'ultima categoria Califfo, un software gratuito nato, per quanto ho potuto leggere, quasi per gioco su un forum di ingegneria e che sta diventando molto interessante.

Il geologo e il progettista geotecnico. Chi fa cosa?

 

Spesso abbiamo sentito parlare nel passato di relazione geologico-geotecnico, facendo trasparire in tale denominazione una commistione tra la figure del geologo e quella del progettista geotecnico.

Le Norme tecniche sulle costruzioni 2008, finalmente, portano chiarezza sull'argomento distinguendo nettamente compiti e competenza.

In ordine di redazione abbiamo prima la Relazione geologica, appannaggio esclusivo del geologo, che consente la modellazione geologica del sito nel quale si inserisce l'intervento; a seguire abbiamo la Relazione geotecnica con la quale il Progettista geotecnico fornisce il modello geotecnico del terreno.

Correlate alle due relazioni ci sono le relative indagini:

  • geognostiche, quelle eseguite dal geologo e finalizzate a raccogliere elementi utili alla redazione della Relazione geologica
  • geotecniche, programmate dal progettista geotecnico per consentire la redazione della Relazione geotecnica

Le prime sono sono ad esclusivo appannaggio della figura del geologo, sia come programmazione che come esecuzione.

Le seconde sono invece programmate dal progettista sulla base dei dati desunti dalla Relazione geologica e sono finalizzate alla definizione dei parametri geomeccanici del terreno necessari per la progettazione ed il calcolo delle fondazioni. Queste ultime devono essere certificate da uno dei laboratori accreditate secondo l’art.59 del DPR n.380/2001. Rientrano in questa casisitica anche le indagini in situ, così come chiarito dal Consiglio di Stato con la sentenza n.5231 del 17.07.2012. A tal riguardo il Servizio Tecnico Centrale predisporrà a breve un'apposita Circolare per disciplinare il rilascio della relativa autorizzazione. Su questa problematica vi rimando al sito del Consiglio Superiore dei Lavori pubblici.

Ovviamente è auspicabile, oltre che necessaria nel caso di interventi complessi, la collaborazione tra le due figure, pur nell'ambito delle rispettive competenze.

Riferimenti:

  • Cap. 6 NTC 08 - Il par. 6.2.2, affermando che “è responsabilità del progettista la definizione del piano delle indagini, la caratterizzazione e la modellazione geotecnica”, di fatto afferma che la relazione geotecnica, che contiene tra gli altri anche questi tre elementi, deve essere firmata dal progettista geotecnico
  • D.P.R. 328/2001 - L'art. 41 annovera esplicitamente tra le competenze del geologo la relazione geotecnica (vedi lett. e)
  • Si consiglia la lettura della comunicazione del presidente dell'Ordine Regionale dei Geologi della Puglia http://www.geologipuglia.it/doc/downloads/902-competenza-geotecnica-e-sismica-comunicato-del-presidente.pdf

indice.txt · Ultima modifica: 2013/07/08 10:00 da mickele

Facebook Twitter Google+ Digg Reddit LinkedIn StumbleUpon Email